TSRM e stampa 3D: il progetto RADLAB

Che cosa succederebbe se il servizio di radiologia odierno potesse espandersi per offrire non solo immagini, interpretazioni, intuizioni e raccomandazioni basate sulle immagini,

Quel che vi presentiamo oggi è un progetto lanciato ufficialmente in occasione del 17° Congresso Nazionale TSRM e che nasce con l’obiettivo di diffondere la conoscenza e favorire l’utilizzo della stampa 3D all’interno dell’attività del reparto di Radiologia. Ecco di cosa si tratta e perché è interessante discuterne

ma anche guide chirurgiche personalizzate e posizionatori, protesi paziente-specifiche, impianti biocompatibili per la medicina rigenerativa, o modelli deformabili per la formazione chirurgica?


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!