Le nuove frontiere della tecnologia indossabile

L’uomo si è da molti decenni “vestito” di tecnologia. Tra i primi dispositivi tecnologici “indossabili” c’è l’occhiale che, fin dal XVIII secolo, ha fornito un modo per migliorare le capacità visive.

In questa intervista il prof. Saggio del Dipartimento di Ingegneria Elettronica dell’Università di Roma “Tor Vergata” e direttore del gruppo di ricerca Hiteg, approfondisce il concetto di wearables e descrive il loro utilizzo in ambito medico. Vediamo come la tecnologia indossabile ha progressivamente modificato il monitoraggio della salute e perché i dispositivi indossabili sono oggi utilizzati anche in fase di diagnosi

 Esistono versioni di cornetti acustici del secolo XVII che si “indossavano” per risolvere, almeno parzialmente, problemi d’ipoacusia. Agli inizi del XVIII secolo fu inventato l’orologio da taschino che poi, nel XIX secolo, si è evoluto nella versione da polso, con i vantaggi che ben conosciamo.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!