Sostenibilità economica dei servizi di telemedicina

Questa nota estende la relazione presentata al Congresso nazionale della Società tenutosi a Roma il 7-9 novembre scorso. Desidero ringraziare il dott. Francesco Gabbrielli per avermi stimolato sul tema e la dott.ssa Simonetta Scalvini per i puntuali suggerimenti. Rimangono mie le responsabilità delle valutazioni espresse nel paper e degli errori 

Tecnologie al servizio del sistema salute. Torniamo a discutere di telemedicina (della sua sostenibilità e delle sue potenzialità) e lo facciamo grazie al dott. Mario Dal Co. Quale lo stato dell’arte della materia e come si delinea il (prossimo) futuro? Dati alla mano ecco cosa emerge soprattutto alla luce delle radicali evoluzioni attualmente in atto nella società

La sostenibilità economica dei servizi di telemedicina è un problema che non si pone oggi per la prima volta: esso affiora periodicamente allorquando matura una nuova ondata di tecnologie, la cui potenzialità applicativa occorre testare e valutare. Insieme alla sostenibilità economico-finanziaria degli investimenti, nelle fasi di transizione si ritorna all’analisi costi-benefici, vista come strumento per la valutazione della sostenibilità.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!