La stampa 3D in medicina

L’evoluzione delle tecniche chirurgiche miniinvasive ha amplificato l’esigenza di modelli anatomici reali sui quali preparare e simulare l’approccio chirurgico. Il dottor Sacco ripercorre le tappe di questa nuova tecnologia, entrando nel merito delle sue recenti applicazioni e degli scenari più interessanti che si aprono per il prossimo futuro

Dopo oltre un secolo di immagini bidimensionali, le nuove tecniche di tomografia computerizzata, in grado di riprodurre in pochi secondi il nostro corpo in centinaia di fette submillimetriche e di ricostruirle in tempo reale, offrono nuove modalità di visualizzazione delle strutture corporee, con immagini tridimensionali di elevatissima qualità ed altissima risoluzione, esplorabili in ogni dettaglio ed a tutto spessore, financo navigabili all’interno, grazie a programmi sempre più potenti ed intuitivi. Le immagini tridimensionali sono ormai parte integrante del dataset prodotto per ogni singolo esame TC e permettono al radiologo di comunicare più efficacemente il risultato della propria attività professionale a colleghi e pazienti.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!