La gestione della cronicità: il modello di “medicina di iniziativa” di Medici Insubria

Le malattie croniche sono una delle principali sfide che i sistemi sanitari nazionali dei Paesi industrializzati si trovano a dover affrontare ora e nel prossimo futuro. Per la gestione delle malattie croniche – secondo la definizione dell’OMS, “problemi di salute che richiedono un trattamento continuo durante un periodo di tempo da anni a decadi”

Quella che vi presentiamo grazie a Giovanna Scienza, vicepresidente Medici Insubria, è una realtà di estremo interesse che, a partire dal maggio 2017, opera proponendo un modello basato sulla “medicina di iniziativa”. Di cosa si tratta, com’è organizzato, quali i principali vantaggi che porta e perché non esitiamo a definirlo ad oggi un esempio virtuoso?

CRONICITÀ, UN’EMERGENZA MONDIALE

Le malattie croniche sono una delle principali sfide che i sistemi sanitari nazionali dei Paesi industrializzati si trovano a dover affrontare ora e nel prossimo futuro. Per la gestione delle malattie croniche – secondo la definizione dell’OMS, “problemi di salute che richiedono un trattamento continuo durante un periodo di tempo da anni a decadi” – si spendono circa il 70-80% delle risorse sanitarie a livello mondiale, e si stima che nel 2020 esse saranno l’80% di tutte le patologie nel mondo. In Europa, malattie croniche come lo scompenso cardiaco, l’insufficienza respiratoria, i disturbi del sonno, il diabete, l’obesità, la depressione, la demenza, l’ipertensione, colpiscono l’80% delle persone oltre i 65 anni e spesso simultaneamente lo stesso individuo.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!