I dolori post chirurgici sternali possono essere eliminati

Per interventi di chirurgia toracica o cardiaca, i pazienti vengono  sottoposti alla cosiddetta sternotomia, una pratica consistente  nell’incisione dello sterno che, tagliato (parzialmente o  totalmente) in due, viene aperto con un divaricatore, dotato  di due lame che si inseriscono nel taglio dello sterno stesso.

La sternoctomia è una pratica chirurgica usata in molti interventi che, vista la sua invasività, può provocare nel paziente fastidiose conseguenze.  Uno studio tutto italiano offre una soluzione al dolore cronico. Seguiamo il prof. Giovanni Saggio, ingengere del Dipartimento di Ingegneria Elettronica dell’Università  di Tor Vergata,  che entra per noi nel  merito di questa ricerca

Tramite una manovella il chirurgo allontana le due lame tra di loro di 5 o 10 cm, in modo che la gabbia toracica venga aperta per poter dare accesso e operare sugli organi interni.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!