Il progetto Holo-SIRM

Il 23 marzo 2018 è stata istituita la Fondazione SIRM, con l’intenzione di dar vita a una realtà filantropica attenta ai temi della promozione della cultura della salute, del benessere sociale, dell’istruzione e della formazione, con particolare attenzione allo sviluppo ed al trasferimento di buone prassi. Il progetto culturale e scientifico della Fondazione è quello di un organismo che funga come “centro di idee” capace di promuovere i valori della cultura, in un’ottica di simbiosi tra sapere e capacità di innovazione, binomio sul quale si fonda un autentico sviluppo sociale e progresso civile. Il primo progetto finanziato dalla Fondazione è il progetto HoloSIRM: lo sviluppo di un sistema per la conversione automatica di immagini bidimensionali di Tomografia Computerizzata in modelli 3D utilizzabili come oggetti di realtà aumentata dal Microsoft HoloLens. La Fondazione SIRM ha commissionato a Microsoft, PwC, Teorema e FifthIngenium la realizzazione di progetto per trasformare i file DICOM in modelli 3D per HoloLens.

Il nostro esperto, Palmino Sacco, ci presenta il primo progetto finanziato dalla Fondazione SIRM. Si tratta di un sistema di conversione di file DICOM in modelli 3D per HoloLens. Un ulteriore step sul percorso di evoluzione tecnologica e digitale che sta interessando il mondo della Sanità. Vediamo di cosa si tratta

Il Microsoft HoloLens è un visore olografico di realtà mista, un vero computer integrato, senza fili, con delle peculiarità che lo differenziano notevolmente da altri visori di realtà aumentata o virtuale. Il progetto HoloSIRM nasce dalla volontà di SIRM di individuare modalità innovative nel campo della formazione specialistica in materia di radiologia interventistica. In tal senso la Fondazione, ha colto l’opportunità prospettata di utilizzare l’innovazione tecnologica per il perseguimento dei propri scopi istituzionali:


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!