La digitalizzazione della Sanità

Il 12 novembre 2018 ARIS ha organizzato con la HIMSS Italian Community (HIC) presso la propria sede nazionale il Convegno “Digitalizzazione in Sanità”. L’incontro ha chiamato a raccolta molti prefessionisti della sanità digitale, lieti di accogliere il contributo di quattro ospiti internazionali, incluso il presidente e amministratore delegato di HIMSS International, Harold (Hal) Wolf III. Dopo i saluti di benvenuto e l’introduzione ai lavori fatta da Nevio Boscariol ed Elena Sini (rappresentanti rispettivamente di ARIS e comitato HIC), la discussione è entrata subito nel merito degli argomenti presidiati dalla community: la sanità digitale e le sfide che implica su scala globale; la sicurezza e la gestione dei dati in sanità; il supporto digitale alla continuità della cure, tema su cui è stato attivato il networking con differenti realtà nazionali e internazionali, utile a confrontarsi e a innescare costruttive sinergie. In apertura, la presentazione dello scenario della sanità digitale a livello globale e la sua declinazione nelle community nazionali, presentati da Hal Wolf per HIMSS, è stata seguita dall’illustrazione di un caso concreto di evoluzione dei sistemi informativi aziendali in un’azienda sanitaria, con Roberto Poeta, CIO di Fondazione Poliambulanza.

Consapevoli della rivoluzione (digitale) in atto nel mondo della Sanità, italiana e non solo, ARIS e HIMSS hanno organizzato una giornata di studio sulla questione. Molti gli interventi autorevoli per una discussione che si è spinta ben oltre la dimensione concettuale calandosi nella realtà di Fondazione Poliambulanza

In seguito, il tema della gestione dei dati nelle aziende sanitarie è stato discusso sia dal lato normativo-legale (Silvia Melchionna, Autorità Garante per la protezione dei dati), sia dal lato tecnico e di interconnessione tra sistemi informativi e dispositivi elettromedicali (Andrea Gelmetti, AIIC e comitato HIC), che infine per un aggiornamento sull’iniziativa sul codice di condotta in sanità (Nevio Boscariol e Fabrizio Ferrara, Altems e comitato HIC), in cui gli Associati Aris stanno portando un importante contributo con diverse competenze, legali, tecniche e organizzative.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!