Come valutare le app di sanità digitale: il caso della soluzione @home per l’Assistenza Domiciliare

L’assistenza domiciliare diventa Smart con @home: soluzione realizzata dall’Azienda Sanitaria della Provincia Autonoma di Trento (APSS). @home è a regime in APSS e permette il contatto costante tra le diverse persone che collaborano nelle cure tramite un’App per Smartphone e Tablet. Nelle diverse fasi di realizzazione del prodotto, dalla sua concezione alla adozione su vasta scala sono state individuate delle metriche specifiche di risultato e di esito.

Le ragioni del progetto Il progetto @home rappresenta un esempio di come la trasformazione digitale in campo sanitario possa contribuire a migliorare l’assistenza domiciliare alle persone. Gli ultimi scenari epidemiologici, in particolare l’aumento della speranza di vita a 75 anni e dei casi di cronicità, pongono nuove sfide ai sistemi sanitari dei Paesi Occidentali. La necessità è di saper affrontare la crescente complessità di presa in carico dei pazienti al di fuori del setting ospedaliero. Le cure domiciliari rappresentano un paradigma differente in termini di gestione del paziente. Mentre, infatti, in ospedale le procedure possono essere fortemente standardizzate, a domicilio non è così, dovendo considerare la variabilità dei setting assistenziali, del paziente e dei caregiver. Per ogni paziente viene creato un piano personalizzato, tenendo in considerazione, oltre alle necessità del paziente e dei caregiver, anche i loro livelli di competenza e di autonomia. Gli operatori hanno inoltre la necessità di registrare e scambiare informazioni in maniera contestuale con le altre componenti dell’équipe, in particolare per ciò che avviene tra un accesso a domicilio e quello successivo. Tradizionalmente le cure domiciliari sono un’area poco digitalizzata e dove è prevalente l’utilizzo di documenti cartacei, depositati a casa dei pazienti. Questa situazione, non era differente in APSS prima di @home.


La versione integrale dell’articolo è riservata agli abbonati. Per continuare a leggere accedi oppure abbonati ora!